4 dicembre alle ore 10.27.Terre Solidali ha pubblicato sul diario di Il Grillo di Gemmano:QUESTO NON E’ UN PAESE PER TUTTI

profulogoLa Cooperativa Terre Solidali di Gemmano-Onferno in merito all’ordine del giorno approvato dal Consiglio Comunale di Gemmano in data 25.11.2014 ed agli articoli successivamente pubblicati dai quotidiani locali intende fare chiarezza sull’accoglienza dei 20 profughi accolti presso l’ostello di Onferno.

Continua a leggere

Sì alla fusione in un unico Comune, tra Gemmano, San Clemente e Morciano di Romagna. Cominciamo a parlarne.

Gli stemmi dei tre Comuni che hanno raggiunto l' accordo per la Fusione: Morciano di Romagna, Gemmano e San Clemente

Gli stemmi dei tre Comuni

La prima adesione alla fusione in un unico Comune, tra Gemmano, San Clemente e Morciano di Romagna, è stata deliberata dai Consiglieri di Gemmano. Ieri anche la Lista Civica San Clemente ha ufficializzato il suo pieno appoggio al progetto attraverso una dichiarazione del Consigliere comunale Alfonso Scala.
Massima soddisfazione quindi da parte dei politici dei tre Comuni per l’ avvio di questo progetto. Continua a leggere

Pubblichiamo Integralmente : a sostegno dei ragazzi di Terre Solidali contro l’ordine del giorno razzista del Sindaco e dei Consiglieri di Gemmano.

profughi appello4

I cingalesi pizzaioli

Al Grillo di Gemmano con richiesta di divulgare  questo appello che è stato lanciato a sostegno di Terre Solidali di Gemmano. Troverete nel testo dell’Appello le ragioni di questa protesta contro la decisione del sindaco PD di Gemmano Riziero Santi che ha fatto approvare all’unanimità, in Consiglio Comunale, un ordine del giorno per allontanare da una frazione di Gemmano venti rifugiati seguiti da Terre Solidali.

Grazie per la vostra attenzione.  fabiopazzaglia@libero.it

Foto di gruppo di alcuni profughi cingalesi

Foto di gruppo di alcuni profughi cingalesi

Esprimiamo la nostra vicinanza a Terre Solidali dopo l’attacco del Sindaco Riziero Santi e del Consiglio Comunale di Gemmano. Ricordiamo che Terre Solidali è stata chiamata e coinvolta dalla Provincia di Rimini nel 2011 a rispondere all’emergenza Nord Africa, offrendo ospitalità nell’ostello di Onferno a 20 profughi di origine bengalese provenienti dalla Libia. Cooperando tra loro e coinvolgendo anche le altre realtà produttive del territorio, le aziende agricole di Terre Solidali hanno impiegato e valorizzato i giovani profughi in attività come l’agricoltura, il giardinaggio e la produzione del pane.

Un profugo apprende i primi elementi della nostra lingua

Un profugo apprende i primi elementi della nostra lingua

Ad oggi, alcuni di questi ragazzi sono rimasti all’interno della cooperativa avendo specializzato una professionalità e trovato un’occupazione. Altri si sono perfettamente integrati trovando un lavoro dignitoso in altre realtà locali. Inventarsi di sana pianta tensioni sociali inesistenti soffiando sul pregiudizio e sulla paura è davvero troppo! Proprio per questo intendiamo esprimere il nostro sdegno per l’azione del Sindaco e del Consiglio Comunale di Gemmano. L’ordine del giorno approvato è un classico esempio di razzismo istituzionale. Usare i profughi come capro espiatorio, prendersela sempre coi più deboli è inammissibile. E’ il modo più facile per distrarre l’attenzione dei cittadini sulle proprie responsabilità. Se Gemmano, come sostiene il suo Sindaco, è un borgo abbandonato è a causa di politici come lui che è da più di vent’anni ricoprono cariche importanti (Santi è stato segretario del maggior partito riminese, assessore provinciale, e ora sindaco) ma ha sempre combinato poco e si è sempre schierato coi poteri forti contro i più deboli, come in questo caso.

I profughi al lavoro di pavimentazione di parte della strada di accesso al Castello di Onferno

I profughi al lavoro di pavimentazione di parte della strada di accesso al Castello di Onferno

Poi non ci si può lamentare se le istituzioni perdono di credibilità e se i cittadini non vanno più a votare. La cooperativa Terre Solidali svolge un lavoro prezioso di integrazione che andrebbe portato all’attenzione di tutti, cittadini e istituzioni. Ci risulta che né il Sindaco né i Consiglieri di Gemmano abbiano mai sentito l’esigenza di conoscere questa realtà. E questo la dice lunga sul pregiudizio che si nasconde dietro l’ordine del giorno approvato. Noi invece conosciamo bene il lavoro dei ragazzi di Terre Solidali e per questo motivo ci sentiamo in dovere di ringraziarli pubblicamente e di stare al loro fianco.

Più di 90 persone hanno gia sottoscritto questo appello.Unisci a questa lista il tuo nome. Invia subito il tuo nominativo per aderire al seguente appello al suo promotore: A: fabiopazzaglia@libero.it

Fonte dell’ appello : Fabio Pazzaglia . Le foto tratte dal sito di Terre Solidali al Link:Cooperativa Terre Solidali – Cooperazione Sociale