Morciano – La “Passione degli Alberi” secondo il Vangelo dell’ Ecologia sociale.

Share Button

colori-dautunno-2014_156639_304_350Duemila anni fa gli uomini crocifissero il Cristo oggi nel 2014 ancora si crocifiggono gli alberi .
Guardando queste immagini verrebbe da pensare di essere in qualche paese sottosviluppato del terzo mondo niente di tutto ciò siamo nella civilissima cittadina di Morciano di Romagna, capoluogo della recente Unione dei Comuni della Valconca.

morc alb3

link alle immagini per ingrandirle

Noi uomini abbiamo la capacità di usare la violenza non solo sugli animali umani, e non, ma la esercitiamo anche sulle piante, dimenticando che anche esse sono dotate di organi, seppur vegetali, e di sensibilità.
Gli alberi dovrebbero servire per abbellire la città, le strade e i suoi viali, alleviando nel contempo gravi problemi procurati dal progresso tecnologico come polveri, rumori, insalubrità.
L’ombra e la traspirazione delle piante spargono durante l’ estate una frescura ed una umidità favorevole e la irradiazione , da essi dipendente ci rende più mite l’inverno. Non dovrebbero mai essere utilizzati , come si nota nelle foto, come supporti o pali dove legare con fili , corde e cavi delle provvisorie centraline elettriche dando all’albero una presenza informe, sofferente, esteticamente e funzionalmente sbagliata.morc alb6
Ma indipendentemente dalla questione etica, in questo vorticoso e disordinato intrigo di cavi, non va sottovalutato anche l’ aspetto della sicurezza sulle persone, considerando che questi attacchi elettrici sono stati fatti per illuminare le varie bancarelle, durante le due giornate della manifestazione Colori d’Autunno svoltasi Sabato 11 e morc alb5Domenica 12 Ottobre, nel centro cittadino, con la presenza di un vasto pubblico. Non è necessario essere elettricisti per chiedersi se questi impianti elettrici provvisori siano in conformità nel rispetto delle norme di sicurezza al 100% e sopratutto se sono stati fatti dei seri controlli, dai tecnici preposti, sul rispetto di tali norme.
Sono anacronistici e demagocici i sermoni, di coloro che predicano bene… ma razzolano male che, nella ricorrenza della Giornata Nazionalemorc alb4 dell’albero affidano ai giovani scolari e studenti il compito di farsi tutori degli alberi da loro piantumati, del verde del loro paese e custodi dell’ambiente che li circonda quando poi sono testimoni di esempi cosi negativi che vanificano gli sforzi educativi delle Guardie forestali, delle Associazioni ambientaliste e del mondo della Scuola.
Mi è inoltre difficile comprendere come mai, dato che queste feste e sagre che si svolgono sul suolo pubblico ed all’aperto con una loro programmazione pianificata e che si ripete annualmente, non si morc alb2debba provvedere ad istallare delle colonnine fisse più idonee allo scopo e certamente più sicure lasciando così in pace, per sempre, questi poveri alberi nati per decorare, con la loro verde bellezza, le vie della città.

Una scelta definitiva questa che se affrontata , purmorc alb1 considerando l’impegno economico che ne consegue, denoterebbe una forte presa di coscienza, da parte di chi ci dirige, di quanto sia grande oggi il bisogno di acquisire una cultura ecologica sociale per lasciare in eredità, a quanti verranno dopo di noi, un Mondo migliore.

Carlo Morigi

Lascia un Commento