Torna, per la quinta edizione, a Morciano di Romagna, la rassegna “Itinerari letterari”: Inizia domenica 5 febbraio alla sala ‘Lavatoio’ alle ore 17,00 con Paolo Nori

Share Button

itinerari letterali16105519_1057502021026347_11953146652665263_n (3)Torna, per la quinta edizione, a Morciano di Romagna, la rassegna “Itinerari letterari”, armata di libri, come sempre, che, anche se non arrivano con un carrarmato in veste di Arma d’Istruzione di Massa, arrivano pur sempre su un camper. Con lo stesso mezzo raggiungeranno Morciano insieme ad Emiliano Visconti tanti scrittori, con le loro lingue e le loro storie.

Paolo Nori

Paolo Nori

Si inizia domenica 5 febbraio con Paolo Nori, autore di ‘Undici treni’, che racconta la storia di uno che si chiama Stacciari, che è uno che “registra i silenzi”. Registra anche i suoni; gli piacciono i suoni, i silenzi, le calze delle donne, la carta che si infilava tra i raggi della bicicletta per far finta di avere una moto, il suono del modem le prime volte che ci si collegava a internet, il messaggio che si sentiva quando entravi in banca “Siete pregati di depositare gli oggetti metallici nell’apposita cassettiera”. Ci farebbe una mostra, di silenzi e di suoni e Paolo Nori è uno che legge come non avete mai sentito leggere, e le sue storie anche se sembrano leggere (cambiare l’accento), leggere non lo sono.
Secondo appuntamento il 12 febbraio , quando a Morciano sarà presente Antonia Arslan, che presenta ‘Lettera a una ragazza in Turchia’, figlia di un’altra ragazza di Turchia, che fu Armena e quindi ‘meno Turca’ delle altre, un po’ come la ragazza a cui a dedicato un libro, che alla fine è una lettera, in questa lettera ci racconta il coraggio, la possibilità di un’alternativa, le storie che servono per sopravvivere.
itinerari letterali16105519_1057502021026347_11953146652665263_n (4)Si prosegue domenica 19 febbraio con Grazie Verasani che presenta ‘Lettera a Dina’ che è il racconto toccante di un’amicizia assoluta e dei segni che ha lasciato; una riflessione sui sogni e gli ideali della giovinezza attraverso un paesaggio esistenziale che tocca un decennio importante della storia italiana, gli anni 70, in una sovrapposizione tra passato e presente il cui raccordo emotivo – e provvidenziale – è la musica.
itinerari letterali16105519_1057502021026347_11953146652665263_n (5)Ultimo appuntamento il 26 febbraio con Giorgio Fontana, premio ‘Campiello’ nel 2014, con un nuovo romanzo (‘Un solo paradiso’) in grado, ancora una volta, di prenderci alla sprovvista: un romanzo d’amore, per quanto sia possibile etichettare un romanzo scritto con la maestria che Fontana già più volte ci ha dimostrato di possedere.

Appuntamento alla sala ‘Lavatoio’ alle ore 17,00 con ingresso libero

Fonte : Fabio Galli (uff. staff del Sindaco)

Lascia un Commento