Un Amarcord di 19 anni fa ……un Viaggio Gemmano-Roma a piedi di Ivo Pazzaglini

Share Button

ivo-pazzaglini-spotQuando lo vedo camminare con un bastone in mano, arrancando dalla curva di Spalletta verso il centro di Gemmano, io che a piedi stento fare anche solo 20 metri…non posso fare a meno di ammirare la sua grande forza di volontà.

Ivo Pazzaglini e sua moglie Serena 20m anni fa

Ivo Pazzaglini e sua moglie Serena 20 anni fa

Ivo Pazzaglini un gemmanese che in gioventù, dal nulla riusci a trasformare la sua grande passione per il ciclismo avviando una delle imprese più attrezzate per transennamenti, palchi e podi per manifestazioni  varie e sportive all’inizio……per poi espandersi negli allestimenti per grandi eventi quali concerti , uscite del Papa in diverse città italiane e tante altre manifestazioni di ogni genere.
Praticamente una attività fiorentissima che, per il sopraggiungere di un morbo invalidante, ha dovuto precocemente abbandonare.

Ivo il giorno della partenza per la Gemmano_Roma

Ivo il giorno della partenza per la Gemmano_Roma

Ma il morbo di Parkinson, con i suoi disturbi neurodegenerativi, non riuscirono a piegare il nostro compaesano Ivo che al’età di 59 anni , per far fronte ad una promessa fatta anni prima al Santo Padre decise di intrapprendere un pellegrinaggio a piedi da Gemmano a Roma.
Fù così che alle 8 di mattina del 2 di Maggio del 1998 ( più di 19 anni fa) inizio il suo lungo e solitario viaggio che si snodo in 8 tappe per circa 350 Km.
Un viaggio non privo di fatiche e difficoltà facilmente superate perché confortato dalla grande fede e supportato da una condizione fisica , che nonostante tutto, era eccellente.

Una impresa questa che all’epoca fece

Ivo con zaino in spalla e tricolore verso Roma.

Ivo con zaino in spalla e tricolore verso Roma.

scalpore e fu seguita dalla stampa e dalle televisioni locali che definirono Ivo Pazzaglini “ Il maratoneta della fede”.
Al suo arrivo in Vaticano era prevista un udienza “del Pellegrino che veniva dalla Romagna” ma sfortuna volle che quell’appuntamnto, da Ivo tanto atteso, saltò a causa di impegni del Papa con una delegazione africana.
Ma quella delusione venne subito spazzata via dal suo ritorno a casa a Gemmano , dove oltre all’abbraccio amorevole della moglie e delle figlie, tutti noi concittadini, con in testa l’allora Sindaco Cesare Ferri accogliemmo il nostro Ivo in un clima di grande festa.

Ringrazio Ivo Pazzaglini per avermi concesso in lettura un suo diario e per le foto di sua proprietà

 

Carlo Morigi

 

Lascia un Commento